Il Mutuo di Sostituzione

La Sostituzione del Mutuo

La sostituzione del mutuo è una soluzione che consente di estinguere il mutuo in essere con uno nuovo, erogato da un istituto di credito diverso da quello attuale.
I motivi che portano alla scelta di sostituire il mutuo possono essere i più disparati:
- la possibilità di accedere a condizioni economiche più vantaggiose;
- la possibilità di modificare il tipo tasso o la durata del mutuo;
- la possibilità di modificare intestatari e garanti del mutuo;
- la possibilità di avere della liquidità aggiuntiva per finanziare i propri progetti personali.

Il mutuo di sostituzione, a fronte dell'elevata flessibilità che lo caratterizza, prevede il pagamento di tutte le spese previste sia per la chiusura del precedente contratto (cancellazione ipoteca, eventuale penale di estinzione anticipata) che per l'apertura della nuova pratica (istruttoria, perizia, assicurazione, oneri notarili, ecc.). La formalizzazione dell'operazione di sostituzione comporta quindi degli oneri per il richiedente.
Per i clienti che volessero risparmiare sulle spese si presentano due alternative che non sempre sono facilmente percorribili: la Surroga e la Rinegoziazione del mutuo.

La surroga e la rinegoziazione possono prevedere condizioni migliorative o rispondere alla necessità di cambiare il tipo di tasso o la durata del mutuo. La variazione degli intestatari del mutuo, invece non è percorribile surrogando il proprio mutuo, mentre in caso di rinegoziazione la banca potrebbe comunque richiedere il rimborso delle spese per l'istruttoria della pratica di rinegoziazione. Infine non è possibile ottenere liquidità aggiuntiva né surrogando, né rinegoziando il proprio mutuo, in tali casi l’unica soluzione percorribile è la sostituzione del vecchio mutuo.