Il Mutuo con Tetto Massimo (Cap & Floor)

Il Mutuo con Tetto Massimo (CAP & Floor)

Molti di voi già sapranno il significato di mutuo a tasso fisso o mutuo a tasso variabile ma alcune banche offrono anche un altro prodotto finanziario, per così dire, “ibrido”: il mutuo con tasso variabile con CAP.


Il mutuo con tasso CAP Rate è di un mutuo a tasso variabile in cui l’ammontare degli interessi varia in base all'andamento del parametro di riferimento (l’Euribor) legato al costo del denaro ma, a differenza del tasso variabile standard, l’opzione CAP permette di fissare fin dall'inizio un tetto massimo (detto CAP rate) al tasso di interesse per proteggersi da possibili oscillazioni verso l’alto dei tassi di interesse. La particolarità di questi mutui sta nel fatto che il tasso di interesse non potrà mai andare oltre un certo limite predefinito dal contratto stesso: se il tasso d’interesse è inferiore al tetto massimo, il calcolo degli interessi sarà conforme al mutuo a tasso variabile; se il tasso dovesse aumentare, e superare la soglia del tetto massimo, non si pagherà mai un tasso superiore alla soglia stabilita nel contratto.

In pratica, si tratta di un compromesso tra la formula a tasso fisso e la formula a tasso variabile, poiché il mutuatario può sperare in un ribasso dei tassi di mercato per godere dei benefici della variabilità e, al contempo, si tutela dalle eccessive oscillazioni al rialzo con la presenza del tetto massimo.

Ma a questa sicurezza, di solito, corrisponde generalmente uno spread leggermente più alto perché, ovviamente, questa protezione per il cliente corrisponde ad un rischio per 'istituto di credito, che a sua volta cerca di tutelarsi contro l’eventuale mancato guadagno fissando un tasso di base leggermente più alto del normale. Peraltro, ad ulteriore garanzia di tutela economica per la banca, insieme al CAP viene spesso stabilito il FLOOR, ossia la soglia minima al di sotto della quale il tasso non può scendere.

I mutui a tasso variabile con CAP hanno quindi al contempo il vantaggio di conoscere sin dal principio l’importo massimo che può raggiungere la rata da versare, i benefici del tasso variabile con la sicurezza garantita dal tetto massimo, che diminuisce i rischi legati all'eccessivo rialzo dei tassi di mercato, ma lo svantaggio di in un tasso di base leggermente più alto del solito, poiché lo spread è maggiore.