Prestiti Inpdap

Prestiti Inpdap

ATTENZIONE: in seguito all'entrata in vigore del decreto legge 201/2011, (salva Italia), convertito con la legge 214/2011, che ha disposto la soppressione dell'Ipdap, trasferendo all'INPS le relative funzioni, è necessario fare riferimento alle informazioni riportate nell'articolo Prestiti Inps.


I prestiti Inpdap sono delle linee di credito concesse direttamente dall’Inpdap, l’istituto di previdenza dei dipendenti pubblici o da banche e società finanziarie che hanno siglato convenzioni con lo stesso.

I prestiti Inpdap possono essere richiesti da dipendenti pubblici e pensionati iscritti alla gestione previdenziale dell’istituto, ma anche da altri dipendenti pubblici iscritti ad altre gestioni previdenziali, purchè iscritti alla Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali che è il fondo istituito dall’Inpadp per erogare prestiti e finanziamenti a dipendenti e pensionati pubblici.

I prestiti Inpdap comprendono diverse tipologie di finanziamento: piccoli prestiti, prestiti pluriennali garantiti, prestiti pluriennali diretti, mutui acquisto prima casa e ristrutturazione. La principale caratteristica di questi prestiti è la possibilità di fruire di tassi agevolati rispetto a quelli di mercato, anche se si paga un’aliquota per il fondo di gestione Inpdap che cresce all'aumentare dell’età del richiedente.

Per richiedere i prestiti Inpadp basta compilare l'apposita modulistica predisposta dall'istituto. Le condizioni economiche dei prestiti Inpadp variano in base alla linea di credito richiesta.

I piccoli prestiti possono essere richiesti da dipendenti e pensionati pubblici per coprire piccole spese. Hanno una durata di 12, 24, 36 o 48 mesi, per un corrispondente numero di rate. L’importo massimo concedibile varia in base alla durata del prestito. Per quelli annuali l’importo sarà pari a due mensilità nette di stipendio o pensione, per quelli biennali, a quattro mensilità, per quelli triennali, a sei mensilità ed a otto per quelli quadriennali.

I prestiti Inpad garantiti vengono erogati dietro presentazione di adeguata garanzia del richiedente con almeno 4 anni di servizio e 2 se invalido. La garanzia deve coprire il rischio di morte improvvisa o di interruzione del rapporto di lavoro. Questi prestiti hanno una durata quinquennale o decennale e le rate vengono rimborsate con trattenute pari al quinto dello stipendio e della pensione.

I prestiti Inpdap diretti hanno le stesse caratteristiche dei prestiti garantiti solo che alla base della richiesta deve esserci uno stato di bisogno o di necessità che va debitamente documentato. I tassi dei prestiti Inpadp variano in base alla loro tipologia ed oscillano dal 3,90% al 4,85%.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cosa succede al mio mutuo se la banca fallisce?

Come sospendere le rate del mutuo

Conto adesso ti premia con un Buono Regalo Amazon.it

Fineco entra nel mercato dei mutui ipotecari

Bonus bebè e aiuti alla famiglia per il 2016

Come sospendere il pagamento del mutuo per un anno

Come richiedere l’annullamento di un contratto di mutuo se la rata è diventata troppo alta?

Simplesurance protegge quello che ti sta a cuore

Surroga o portabilità del mutuo

Sospensione dei mutui case danneggiate dal sisma