Prestiti Inps

Prestiti Inps

L'Inps, direttamente o appoggiandosi a istituti di credito, eroga dei prestiti per i lavoratori, i pensionati e le loro famiglie.

L'Inps eroga due tipologie principali di prestito: il piccolo prestito e il prestito pluriennale.

Nel primo caso, l'Istituto presta una somma di denaro per fare fronte a modeste ed urgenti esigenze del lavoratore o pensionato, iscritto alla Gestione unitaria.
I prestiti Inps sono dedicati a pensionati e lavoratori pubblici e devono essere rimborsati in un numero di rate che va dalle 12 alle 48 mensili.
Per richiedere il prestito è necessario presentare domanda, attraverso l'apposito modulo, all'Ufficio provinciale o territoriale dell'Inps Gestione Dipendenti Pubblici.

I prestiti Inps pluriennali, invece, sono suddivisi in prestiti pluriennali diretti oppure garantiti.
Nel primo caso vengono erogati in favore di quei dipendenti e pensionati che debbano fronteggiare delle necessità personali e famigliari documentate, che rientrano comunque nelle casistiche riportate sul regolamento.

I requisiti per accedere ai prestiti Inps pluriennali diretti sono: iscrizione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali; 4 anni di anzianità di servizio utile alla pensione e 4 anni di versamento contributivo alla Gestione unitaria di cui sopra; un contratto di lavoro a tempo indeterminato; un contratto a tempo determinato non inferiore a 3 anni (in questo caso il debito deve essere estinto entro la scadenza del contratto di lavoro).
la durata di questa tipologia di prestito può essere di 5 o di 10 anni.
La rata con cui viene rimborsato tale prestito Inps non deve superare, comunque, il quinto della pensione o dello stipendio.
Le condizioni invece sono le seguenti: tasso d’interesse nominale annuo del 3,50%; spese di amministrazione: 0,50%; premio fondo rischi secondo le tabelle pubblicate dall'Inps.

Il prestito Inps pluriennale garantito invece viene erogato da istituti di credito e finanziari convenzionati con l'ente, i quali richiedono determinate garanzie contro il rischio di decesso dell'iscritto prima che sia stato rimborsato l'intero importo, di cessazione dal servizio senza diritto alla pensione, di
riduzione dello stipendio.
I requisiti del contraente sono: essere in servizio e avere almeno quattro anni di servizio effettivo utili ai fini pensionistici.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cosa succede al mio mutuo se la banca fallisce?

Come sospendere le rate del mutuo

Conto adesso ti premia con un Buono Regalo Amazon.it

Bonus bebè e aiuti alla famiglia per il 2016

Fineco entra nel mercato dei mutui ipotecari

Come richiedere l’annullamento di un contratto di mutuo se la rata è diventata troppo alta?

Come sospendere il pagamento del mutuo per un anno

Simplesurance protegge quello che ti sta a cuore

Surroga o portabilità del mutuo

Sospensione dei mutui case danneggiate dal sisma